Bigon Anna Maria: “a quando la riapertura della terapia intensiva neonatale e Verona e punto nascite a Villafranca?”

 
 

«Quando saranno riattivati il reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’ospedale della donna e del bambino di Verona e il Punto nascite dell’ospedale Magalini di Villafranca?»


 

L’Interrogazione a risposta scritta è stata presentata dalla Consigliera Anna Maria Bigon il 18 gennaio all’Assessore alla Sanità Emanuela Lanzarin.

Il documento ritorna sull’ospedale di Borgo Trento della Donna e del Bambino Borgo Trento a Verona, balzato purtroppo alle cronache per i casi di contagio da citrobacter che dal 2018 avrebbe causato il decesso di quattro neonati, lesioni cerebrali permanenti in altri 9 nonché altri bambini contagiati per un totale di 96. Inoltre in ragione di quanto rilevato dalla verifica eseguita dagli ispettori del Ministero della Salute la carenza di comunicazione tra le strutture dell’ospedale avrebbe impedito l’attivazione dei protocolli aziendali per la prevenzione delle malattie contagiose.

Nel mese di giugno 2020 il Punto nascite e il reparto di Terapia Intensiva Neonatale di Borgo Trento sono stati chiusi e i relativi servizi trasferiti in altre strutture. A seguito di una serie di interventi (iperclorazione e flussaggio della rete idrica dell’ospedale e ulteriore sanificazione degli ambienti e degli impianti di condizionamento) il Punto nascite è stato riaperto mentre non è stato ancora riattivato il reparto di Terapia Intensiva Neonatale (TIN).

L’Interrogazione mette in evidenza come la prolungata chiusura del reparto TIN sta mettendo in difficoltà molte donne residenti a Verona che sono costrette a rivolgersi ad altre strutture delle province di Padova e Vicenza. Infatti, nella provincia di Verona le donne che partoriscono, prima della 34a settimana di gravidanza, non trovano il servizio di TIN con elevato rischio per il loro bambino e per se stesse.

A tale problematica si associa inoltre la chiusura del Punto nascite e dell’annesso reparto di Terapia intensiva neonatale dell’ospedale Magalini di Villafranca nonché le difficoltà degli ospedali di San Bonifacio e Legnago dovute all’emergenza pandemica da Covid-19 hanno costretto anche le donne residenti nella provincia di Verona a rivolgersi alle strutture di altre province per prenotare un punto nascite.

Della difficile situazione dei due ospedali la Consigliera Bigon ha chiesto all’Assessore Lanzarin quando sarà riattivato il reparto di Terapia intensiva neonatale dell’ospedale della Donna e del Bambino – Borgo Trento di Veronaquali interventi non solo strutturali sono stati finora avviati per garantire la riattivazione di questo importante servizio per le donne residenti a Verona; se intende attivarsi affinché sia al più presto riaperto il Punto nascite dell’ospedale Magalini di Villafranca e l’annesso reparto di Terapia intensiva neonatale.

Alberto Speciale

 

 
 
Alberto Speciale
Classe 1964. Ariete. Marito e padre. Lavoro come responsabile amministrativo e finanziario in una società privata di Verona. Sono persona curiosa ed amante della trasparenza. Caparbio e tenace. Lettore. Pensatore. Sognatore. Da poco anche narratore di fatti e costumi che accadono o che potrebbero accadere nella nostra città. Difensore dei diritti ambientali, il che mi ha procurato un atto di citazione milionario. Ex triatleta in attesa di un radioso ritorno allo sport.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here