Porti e interporti; il presente del futuro di Consorzio ZAI protagonista a Transpotec

 
 

Il fattore tempo

…rappresenta, a seconda di come lo si guarda, un’inevitabile condanna o la sfida delle sfide.
Esiste un tempo, nel presente, dove si chiede a gran voce che il futuro sia quanto più simile ai nostri desiderata.

A TranspoTEC, ieri, è avvenuto un qualcosa di molto simile.
Organizzato da Fiera Milano, Transpotec Logitec 2019 è l’appuntamento leader in Italia pensato per offrire a tutti gli operatori del settore – autotrasportatori, responsabili logistica, proprietari di flotte, grande distribuzione, corrieri e padroncini – una occasione di incontro e aggiornamento professionale sulle novità del settore: veicoli, prodotti, soluzioni, servizi.

La manifestazione – si può leggere sul sito ufficiale – sarà nel 2019 l’occasione più importante dell’anno in Italia per presentare a un pubblico qualificato la propria offerta in ambito trasporti e logistica, attraverso un format che unisce momento espositivo, formazione e intrattenimento.
All’interno della 4 giorni – oggi la chiusura dei lavori – dedicata al mondo e al concetto di “trasporto”, fra i numerosi eventi della kermesse si è tenuta ieri una tavola dal titolo: “Porti e interporti; un ruolo anche di connessione ferroviaria. L’ultimo miglio ferroviario“.

Fra i numerosi relatori, moderati dal prof. Roberto Zucchetti dell’Università Bocconi di Milano, hanno portato i loro saluti istituzionali il Sindaco di Verona Federico Sboarina e l’assessore regionale Elisa De Berti.

ASSOPORTI E UIR

Rappresentate rispettivamente da Zeno D’Agostino e Matteo Gasparato, le due associazioni sono state protagoniste di un confronto sui temi portanti dell’edizione 2019 di TranspoTEC…e non solo.
All’interno del nostro servizio – nel quale sono presenti frammenti di un video promozionale interno di Consorzio ZAI – abbiamo raccolto le dichiarazioni del presidente dell’Unione Interporti Riuniti, nonché presidente dell’Interporto Quadrante Europa – Consorzio ZAI Matteo Gasparato.

 
 
Avatar
29 anni, parte di questi trascorsi, inutilmente, nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Ma forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Parlo tanto e volentieri, di politica e di sport. Talvolta a proposito, talaltra vabbé, pazienza. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz, il buon vino e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo. Comunico. Rifletto. Combatto. Edito. Suono. Non necessariamente in quest'ordine. 🇮🇹

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here