D’Arienzo: “Spazi gratis al congresso omofobo? Grave errore della Camera di Commercio”

 
 

La Camera di Commercio di Verona ha concesso gratis l’ampio spazio dell’atrio appena ristrutturato per ospitare l’evento fashion show il prossimo 28 marzo prossimo. Una decisione inaccettabile”. Lo rivela Vincenzo D’Arienzo, Senatore del Partito Democratico in una nota diffusa nella tarda serata di ieri.

Per precisione giornalistica continueremo a ricordarlo, anche se la “tempesta politica” che riguarda il prossimo Congresso Mondiale delle Famiglie (dal 29 al 31 marzo) ne ha accresciuto la magnitudo tanto da farlo sconfinare nel campo dell'”ovvio“.


LE DOMANDE

Perché – prosegue D’Arienzo – la casa delle imprese veronesi concede gratuitamente uno spazio importante a quel raggruppamento di omofobi? In questo modo, condivide il messaggio oscurantista di quel falso convegno sulla famiglia che si terrà il 29, 30 e 31 marzo a Verona?
Come può un Ente pubblico concedere gratuitamente uno spazio al World Congress of Families (WCF) che non è altro che un raduno di promotori della subordinazione della donna all’uomo e della compressione dell’autodeterminazione femminile? Con la scusa della difesa della famiglia a Verona arriveranno associazioni e gruppi (anche stranieri) che si distinguono per i messaggi gravemente omofobi e di sostegno a leggi liberticide e miranti alla repressione penale dell’omosessualità, oltre che alla limitazione dell’autodeterminazione in materia affettiva e familiare”.

Al Fashion show nella Camera di Commercio si esibirà il russo Dimitri Smirnov, presidente della Commissione patriarcale per la famiglia e la maternità? O la ministra per la famiglia del governo ungherese, Katalin Novak? Chissà, forse il presidente moldavo Igor Dodon, che ha spesso espresso posizioni omofobe o Theresa Okafor, un’attivista nigeriana che nel 2014 ha proposto una legge che criminalizza le unioni tra persone dello stesso sesso, oppure Lucy Akello, ministro ombra per lo sviluppo sociale in Uganda, che nel 2017 ha presentato al parlamento ugandese una legge contro le coppie omosessuali, già proposta nel 2014, che prevedeva originariamente la pena di morte per ‘omosessualità aggravata’“.

Soggetti di cui Verona, città aperta ed europea, potrebbe fare volentieri a meno. Avrei capito la concessione a titolo oneroso, ma la gratuità è inaccettabile! E perché tutti pagano, compreso il PD che ha organizzato lì un evento con il segretario Zingaretti e coloro che propugnano la discriminazione per l’orientamento sessuale e l’identità di genere, non pagano?.
Faccio fatica ad immaginare – conclude il comunicato – come le migliaia imprese veronesi possano condividere l’oscurantismo culturale ed incivile che la Camera di Commercio sposa concedendo gratuitamente spazi che esistono grazie ai loro soldi”.

 
 
Avatar
29 anni, parte di questi trascorsi, inutilmente, nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Ma forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Parlo tanto e volentieri, di politica e di sport. Talvolta a proposito, talaltra vabbé, pazienza. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz, il buon vino e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo. Comunico. Rifletto. Combatto. Edito. Suono. Non necessariamente in quest'ordine. 🇮🇹

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here