D.A.S.P.O. in arrivo

In occasione dell’incontro di calcio Hellas Verona – Genoa disputatosi lunedì sera presso lo Stadio Bentegodi, la Digos della Questura di Verona ha denunciato tre noti ultras per possesso di artifizi pirotecnici in occasione delle manifestazioni sportive.

Prima dell’inizio del match, durante l’attività preventiva di perlustrazione delle vie limitrofe dello stadio, i poliziotti della DIGOS, all’altezza di Via Albere, in una zona dedita a parcheggio e confinante con la tangenziale T4-T9, hanno proceduto al controllo di tre individui riconducibili alla tifoseria dell’Hellas.

Il loro atteggiamento sospetto e la zona isolata e buia, lontana dallo stadio circa un km, facevano presumere che gli stessi volessero tendere un agguato alla tifoseria genoana che da lì a poco sarebbe transitata proprio lungo la tangenziale.

Dopo un’accurata perquisizione personale, sono stati rinvenuti un fumogeno e due bombe carta. I tre ultras sono stati dunque accompagnati in Questura per le procedure di rito e dopo essere stati fotosegnalati ed identificati per C. M. 1995, Z. M. 1993, C. R. 1999, sono stati denunciati per possesso di artifizi pirotecnici in occasione delle manifestazioni sportive in concorso tra loro.

Parallelamente, il Questore di Verona avvierà il procedimento amministrativo per l’adozione del provvedimento di Divieto di Accesso alle manifestazioni sportive (c.d. DASPO).

CONDIVIDI
Davide Caldelli

Sono di Verona, nato il 15 gennaio, quindi Capricorno. Ho un temperamento deciso ma anche la giusta allegria per le origini senesi del nonno paterno. Ho una laurea magistrale in editoria e giornalismo conseguita con il massimo dei voti. Iscritto All’ODG del Veneto, nel tempo libero sono istruttore minibasket a Lugagnano. Scrivo per il Corriere dello Sport. Credo neello sport per tutti. Nel 2014 la mia passione mi ha portato a Sochi per seguire i Giochi Paralimpici Invernali. Amo il Teatro: Shakespeare in particolare. Mi piace il nuoto e quando posso vado in mountain bike. Sono sincero: dico sempre quello che penso. Sempre di corsa ma mi piace così.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here