Zaia mette a tacere Lorenzoni (e compagnìa): “Quando il gioco si fa duro, si scende in campo” [VIDEO]

Luca Zaia - Crediti fotografici: Ivan Romano/Getty Images
 
 

“Perso per perso…”

Sembra sventolare già bandiera bianca (un po’ agitata per la verità) in casa Arturo Lorenzoni, il professore universitario – vicesindaco di Padova e ora candidato del gruppone di centro-sinistra per la prossima tornata elettorale regionale.

Carlo Casagrande (Rete Civica Veneta) durante la conferenza stampa di presentazione della candidatura di Arturo Lorenzoni [fonte: pagina Facebook]
Ieri, durante la presentazione delle varie forze politiche che ne sostengono la candidatura, si è distinto il momento di “Rete Civica Veneta” il cui rappresentante, Carlo Casagrande, si è così espresso: “Sappiamo che sei [Arturo, ndR] una persona capace e competente, rispetto a chi dall’altra parte ha sfruttato il periodo COVID19 per fare campagna elettorale tutti i giorni alle 12.30 sfruttando il disagio di tutti noi, strumentalizzando il personale sanitario e raccontando alla gente come giocare a biglie con i parenti di III grado”.

E proprio dalla sede della conferenza stampa “incriminata” – secondo Casagrande – non si è fatta attendere la risposta odierna del governatore del Veneto Luca Zaia: “Per garantire la par-condicio non rispondo, lascio a loro una riga bianca aggiuntiva addirittura. Una dichiarazione del genere – prosegue Zaia – si commenta da sé.

Vorrei ricordare che questo punto stampa nasce assolutamente in maniera ragionata; ci trovavamo davanti ad un mostro nuovo che avanzava ogni giorno e diffondeva inquietudine. Serviva una persona che parlasse ai veneti.
Qualcuno suggeriva di lasciar gestire la partita ai tecnici…ma abbiamo visto, soprattutto a livello nazionale, cosa non si è sentito; dichiarazioni di tutti i tipi, un via vai che non sarebbe più finito”.

Io dico sempre, di fronte alle tragedie:Se va bene è merito di tutti, se va male, giustamente, la colpa sarebbe stata mia“.
Secondo voi – si chiede Zaia – fosse andata in questo modo, qualcuno sarebbe venuto a dire che ho cavalcato il virus?! Quando il gioco si fa duro – conclude il governatore – bisogna scendere in campo“.

 
 
Avatar
30 anni, parte di questi trascorsi inutilmente nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here