ANCI, pubblicato Avviso per sviluppare un confronto tra le aziende e Comuni

 
 

ANCI ha pubblicato un Avviso per offrire agli operatori economici di confrontarsi con il mondo dei Comuni per comprendere meglio i bisogni delle amministrazioni locali e proporre soluzioni possibili per contribuire al loro sviluppo sostenibile


“Offrire a tutti gli operatori di mercato la possibilità di confrontarsi con il mondo dei Comuni per comprendere meglio i bisogni delle amministrazioni locali e proporre soluzioni possibili per contribuire al loro sviluppo sostenibile”. E’ con questo spirito che l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) promuove un avviso rivolto a tutti gli operatori economici operanti sul territorio italiano, interessati a misurarsi con le potenzialità dei municipi.

Al fine di alimentare un Elenco, aperto, di tutti gli operatori economici interessati e per finalita di massima trasparenza e apertura al mercato, l’ANCI con l’Avviso invita tutti i soggetti a presentare la propria manifestazione di interesse all’iscrizione in tale Elenco. La finalita e quella di offrire ai Comuni e alle Citta un panorama di operatori economici che nei singoli settori di interesse si distinguano per l’innovazione dei prodotti, per le caratteristiche di sostenibilita dei servizi offerti e in un’ottica di tutela degli interessi e per il perseguimento di obiettivi istituzionali.

L’Avviso per manifestazione di interesse si rivolge ad aziende, tecnostrutture e altri
soggetti di alta specializzazione e competenza, operanti sul territorio italiano, interessati a rispondere con la propria esperienza ed offerta di servizi ai fabbisogni manifestati da Comuni e Citta metropolitane, con il fine di innalzare e innovare la qualita progettuale degli Enti locali e qualificare l’offerta del mercato.

I settori tematici di intervento sono elencati nell’Allegato 1 e riguardano tre ambiti:
1) transizione energetica e sostenibilità, con riferimento a mobilità urbana e trasporti sostenibili, servizi Ict, produzione energetica da fonti rinnovabili, efficienza energetica di edifici, asset e quartieri/territori, rigenerazione urbana in ottica integrata, adattamento climatico e mitigazione del rischio, ciclo dei rifiuti ed economia circolare, servizio idrico integrato;
2) transizione digitale e sviluppo economico, con riferimento a piattaforme locali integrate di servizi turistici e di supporto ai piccoli produttori e commercianti locali, digitalizzazione della Pa locale con particolare riferimento alle misure previste nel Pnrr, servizi a valore aggiunto basati sui sistemi informativi territoriali, e-procurement, digitalizzazione dell’offerta culturale, progetti e servizi di facilitazione all’accesso alla banda ultra larga per le aree interne e rurali;
3) ogni altro ambito tematico di interesse strategico operativo per Comuni e città metropolitane, quali per esempio regolazione mobilità della sosta e dei parcheggi, controllo aree di sosta, gestione Ztl e stalli per ricarica mezzi, gestione ultimo miglio e intermodalità, sistemi di gestione avvisi e sanzioni, infoparking, parking guidance, MaaS, sistemi di pagamento integrati e dematerializzati, nuovi modelli tariffari, gestione integrata di ricariche elettriche, city mobility management, modelli di gestione innovativa del parco veicoli, servizi avanzati di welfare aziendale e per la mobilità casa-scuola, migrazione al cloud, sistemi automatici di gestione del calore, riforestazione urbana, gestione e controllo del Servizio Idrico Integrato, sistemi gestionali di cartella sociale informatizzata e cataloghi delle prestazioni sociali, attrezzature innovative di supporto nell’assistenza domiciliare agli anziani e ai non autosufficienti, attrezzature per centri disabili;  altri servizi o applicazioni/soluzioni innovative, anche di tipo infrastrutturale, non
contemplate nell’elenco.

E’ interessante partecipare perchè è un’occasione di incontro privilegiato, mirato e altamente qualificato tra la domanda pubblica, espressa dai Comuni e le Città metropolitane che oggi rappresentano il primo investitore del Paese, e l’offerta di operatori economici, compresi gli Enti e gli stakeholder coinvolti nell’attuazione delle policy attuali.
La partecipazione è gratuita, ogni soggetto può candidarsi ad uno o più ambiti tematici indicati nell’Allegato 1, trasmettendo la propria domanda mediante la compilazione dell’apposito modello Allegato 2 di cui all’Avviso.

L’elenco dei soggetti interessati sarà pubblicato sul sito ANCI, e verrà aggiornato a cadenza trimestrale con le candidature pervenute nel periodo.

Eventuali chiarimenti in ordine all’Avviso, che resterà attivo fino al 30 aprile 2025, potranno essere richiesti all’indirizzo e-mail [email protected].

Alberto Speciale

 

 
 
Classe 1964. Ariete. Marito e padre. Lavoro come responsabile amministrativo e finanziario in una società privata di Verona. Sono persona curiosa ed amante della trasparenza. Caparbio e tenace. Lettore. Pensatore. Sognatore. Da poco anche narratore di fatti e costumi che accadono o che potrebbero accadere nella nostra città. Difensore dei diritti ambientali, il che mi ha procurato un atto di citazione milionario. Ex triatleta in attesa di un radioso ritorno allo sport.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here