Bertucco: “Stallo amministrativo nelle partecipate”

Riceviamo e pubblichiamo la nota di Michele Bertucco, consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune.

“Agsm e Agec senza direttore generale; Amia bloccata dai veti incrociati e che va verso un passivo di bilancio di mezzo milione di euro; una generale mancanza di direttive e di strategie nelle partecipate, e poi il tormentone politico dell’estate 2018 dovrebbe essere il rientro di Enrico Corsi in giunta? Ma mi faccia il piacere, direbbe Totò.

Come unica nota positiva il Sindaco può portare l’annunciata riapertura del confronto tra Agsm e Aim, ora che sono terminate le elezioni comunali a Vicenza ed ha prevalso anche lì il centrodestra. Sta però nella logica delle cose che il dialogo vero e proprio non verrà ripreso prima della fine dell’estate.

Intanto, malgrado gli annunci di selezioni in corso, Agsm non ha ancora trovato il suo direttore generale e in Agec la casella viene sostituita da un facente funzioni. Anche in Solori è in corso una verifica sul direttore generale per quanto riguarda il lauto compenso accordato dalla precedente amministrazione.

E’ l’immagine di una amministrazione in stallo incapace di dare una strategia amministrativa e una direzione salda sia agli uffici comunali che alle aziende. Bloccata dai perduranti scontri politici interni tra casalesi, leghisti e chi più ne ha più ne metta.

Pensa davvero il Sindaco di poter tirare a campare in questa situazione, con una parte della sua maggiorazione che rema costantemente contro?”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here