“Semaforo verde” nell’aria scaligera; ok il livello dei PM 10

 
 

(un altro) sospiro di sollievo
Arvpav Docet.

La cadenza è latineggiante anche se coinvolge aspetti attualissimi e di salute pubblica.
Lunedì che inizia con delle buone notizia! È confermato infatti, dal bollettino Arpav di oggi, il livello verde.
A Verona le percentuali qualitative dell’aria restano buone, con una media dei valori di concentrazione di PM10 inferiore al limite di 50 µg/m3.

Continuano dunque le normali prescrizioni previste dal livello verde, già in atto da venerdì 8, e cioè, il divieto di circolazione, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, per i veicoli benzina Euro 0 ed Euro 1 e per i veicoli diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2 ed Euro 3. Confermate anche tutte le deroghe già in vigore.
Rimane, poi, il divieto di utilizzare generatori di calore con prestazione emissiva inferiore alla classe 2 stelle e l’obbligo di usare, nei generatori di calore, pellet certificato conforme alla classe A1.

Tutte le informazioni, relative alle misure in vigore e alle deroghe, sono disponibili sul sito del Comune.

RILEVAMENTI

I rilevamenti dell’ultima settimana delle centraline Arpav hanno mostrato un andamento medio dei dati migliorato al Giarol Grande. Questi i rilevamenti nel dettaglio: 7 marzo – 48 µg/m3; 8 marzo – 28 µg/m3; 9 marzo – 33 µg/m3; 10 marzo – 39 µg/m3.

Prontuario sulle BUONE PRATICHE.

In generale, per limitare comunque il più possibile le emissioni di polveri sottili, Arpav e Amministrazione invitano tutti i cittadini a rispettare i divieti già in essere e ad adottare stili di vita virtuosi e comportamenti rispettosi dell’ambiente.

Tra le buone pratiche consigliate, l’utilizzo dei mezzi pubblici al posto dell’auto privata, limitando gli spostamenti a quelli strettamente necessari, evitando di riscaldare il motore da fermi e di guidare in maniera aggressiva.

Per quanto riguarda le abitazioni, il consiglio è quello di ridurre gli orari di funzionamento degli impianti di riscaldamento e di abbassare la temperatura massima dei locali, mantenendola tra i 19 e i 21 gradi.
Si sconsiglia l’utilizzo di stufe e caminetti alimentati a biomasse (legna o pellet) se nell’edificio sono presenti sistemi di riscaldamento meno inquinati, come ad esempio l’impianto a metano. Nel caso vengano utilizzate le stufe, è importante che sia bruciata solo legna secca, non altri tipi di materiali, e che sia stata verificata la pulizia delle canne fumarie.

Uffici aperti al pubblico, negozi e attività industriali devono mantenere chiusi i battenti degli accessi. È importante anche che le ruote dei mezzi, che escono dai cantieri o da siti in cui si lavora materiale che può produrre polveri, siano pulite con idropulitrici prima di immettersi in strade urbane ed extraurbane.

Sfalci, potature ed altri residui agricoli non vanno bruciati, dato che le combustioni all’aperto incrementano ulteriormente la produzione e la diffusione di polveri e componenti tossici.

 
 
Avatar
29 anni, parte di questi trascorsi, inutilmente, nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Ma forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Parlo tanto e volentieri, di politica e di sport. Talvolta a proposito, talaltra vabbé, pazienza. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz, il buon vino e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo. Comunico. Rifletto. Combatto. Edito. Suono. Non necessariamente in quest'ordine. 🇮🇹

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here