Consorzio ZAI, la ‘babele’ scaligera sulla via della seta…digitale!

 
 

Questa mattina si è svolta presso il Consorzio ZAI Interporto Quadrante Europa la conferenza stampa di presentazione del protocollo d’intesa tra Consorzio ZAI e China Telecom (Europe) Limited.

DALL’ORIENTE..
China Telecom (Europe) Limited è stata fondata nel 2007 come un ufficio di rappresentanza per occuparsi degli affari in Europa di China Telecommunications Corporation che è l’azienda di telefonia leader in China. La missione di China Telecom (Europe) Limited è di costruire una via della seta digitale collegando l’Europa con l’Asia. La sede è a Londra, in Inghilterra. Ci sono filiali e uffici di rappresentanza in tutta Europa e in particolare: in Bielorussia, Francia, Germania, Paesi Bassi (Benelux), Russia, Spagna, Svizzera, Austria, Repubblica Ceca, Danimarca, Ungheria, Italia, Montenegro, Polonia, Svezia e Turchia.

Il protocollo di intesa si propone di dare vita ad uno studio per lo sviluppo di una attività congiunta tra il Consorzio ZAI Interporto Quadrante Europa di Verona e la China Telecom (Europe) Limited per l’evoluzione dell’attuale Rete Telematica Interportuale verso nuove tecnologie nonché valutare un collegamento diretto alla Rete China Telecom attraverso un POP localizzato nel Quadrante Europa da cui far derivare un significativo contributo al miglioramento della competitività del sistema logistico dell’Interporto di Verona. 

A tal fine riveste importanza strategica operare in stretta collaborazione per promuovere forme di cooperazione tese a valorizzare le sinergie tra l’interporto Quadrante Europa di Verona e la China Telecom (Europe) Limited con l’obiettivo di sviluppare una efficiente rete di trasmissione dei dati tra le aziende presenti nell’area interportuale e le proprie sedi, i propri fornitori ed i propri clienti presenti nei mercati asiatici e cinesi.

 Gli obiettivi di tale protocollo sono:

  • porre in essere le condizioni per una proficua cooperazione tra il Consorzio ZAI Interporto Quadrante Europa di Verona e la China Telecom (Europe) Limited al fine di poter potenziare l’attuale rete di trasmissione dati tra l’area interportuale e l’area asiatica e cinese;
  • sviluppare una attività congiunta tra il Consorzio ZAI Interporto Quadrante Europa di Verona e la China Telecom (Europe) Limited per l’evoluzione dell’attuale Rete Telematica Interportuale verso nuove tecnologie nonché valutare un collegamento diretto alla Rete China Telecom attraverso un POP localizzato nel Quadrante Europa da cui far derivare un significativo contributo al miglioramento della competitività del sistema logistico dell’Interporto di Verona;
  • favorire uno scambio di informazioni e di conoscenze con investitori cinesi, che China Telecom (Europe) Limited potrà presentare al Consorzio ZAI Interporto Quadrante Europa di Verona, al fine di poter evidenziare a quest’ultimi le opportunità di sviluppo logistico ed industriale nell’area veronese.

Per predisporre e coordinare le azioni previste, verrà istituito un Gruppo di Lavoro con l’obiettivo anche di supervisionare alla concreta applicazione del presente Protocollo di Intesa e di proporne ogni utile successiva integrazione e/o variazione.

Il Presidente Matteo Gasparato si è dimostrato entusiasta dell’iniziativa proposta date le potenzialità offerte dalla suddetta via della seta telematica. Infatti, il futuro della logistica sta passando per le nuove tecnologie quali 5G, Big Data, Internet of Things e Smart City, le quali verranno sviluppate attraverso questo corridoio che connetterà Europa e Asia in modo sempre più rapido ed efficiente. L’incontro di oggi è il primo passo verso un mercato sempre più globalizzato che sta caratterizzando gli scambi odierni. Questa collaborazione è la prova tangibile che Consorzio ZAI non intende “subire” il cambiamento ma ne vuol essere protagonista attivo, in modo da mantenere l’Interporto Quadrante Europa di Verona sempre ai vertici mondiali.

La firma di questo nuovo protocollo di collaborazione – sottolinea il sindaco Federico Sboarinatestimonia ancora una volta la vocazione sempre più internazionale della città di Verona, che è centro d’importanti relazioni fuori dai confini nazionali. A darne prova concreta è oggi il Consorzio Zai, che è sempre più impegnato nello sviluppo dell’Interporto Quadrante Europa. Questo progetto tecnologico, oltre a rafforzare la competitività del sistema logistico dell’Interporto di Verona, il più importante in Italia per volumi di traffico e il primo d’Europa per qualità del servizio, permetterà di realizzare forme di cooperazione con le realtà produttive. Ricordo che, tra i principali focus del recente viaggio effettuato in Cina, ci sono stati anche i temi della smart city e della tecnologia, con i seminari sull’economia digitale, lo sviluppo tecnologico, l’intelligenza artificiale nelle gestione delle città. Un’area dalle grandi potenzialità di sviluppo, che ci può offrire nuovi punti di contatto fra le realtà produttive veronesi e i mercati asiatici e cinesi”.

 
 
Avatar
30 anni, parte di questi trascorsi, inutilmente, nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Ma forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here