Aeroporto Catullo – I Tre Caballeros

 
 

Note di ugole stonate

C’erano una volta tre amichetti, Fracchia, Salz Man e Mister Day.
Per “meriti” acquisiti si ritrovarono sodali in gestione di un bene della collettività, sventuratamente consegnato ad un privato che voleva distruggerlo.

I tre, sempre insieme nelle decisioni, abbandonati dal possidente, si reinventarono una professione per non essere sbeffeggiati e cadere nell’oblio.

Fu così che, imbracciate le chitarre messicane, schiarita la voce, iniziarono a cantare a squarciagola melodie improbabili circa il destino del bene della collettività che insieme avevano consegnato al possidente malvagio.

Fracchia si recò a Roma, la Città Eterna, e cercò di far sentire la propria voce al Controllore dei Contratti, ma il controllore che già si era espresso sulla marachella, non lo volle ascoltare, le voci stridule e poco intonate non erano gradevoli.

Al ritorno, riunitisi, dissero che il concerto era stato un successone, ma in realtà, pur non essendoci recensioni ufficiali, nulla era cambiato con il concerto, per altro senza pubblico.

La direttrice di un teatro cittadino, interessata più dal contenuto che dalla melodia, volle sentir cantare i Tre Caballeros e li convocò presso di sé.

Quest’interesse si tramuterà in uno spettacolo con i tre protagonisti, il coro e tutti i musicisti e sotto la direzione artistica della Brava Direttrice che aggiusterà loro la voce per sentire, finalmente, la vera melodia delle canzoni dell’Opera “Come ti distruggo un Aeroporto e aiuto gli amici”.

Zan zan!

 
 
Avatar
29 anni, parte di questi trascorsi, inutilmente, nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Ma forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Parlo tanto e volentieri, di politica e di sport. Talvolta a proposito, talaltra vabbé, pazienza. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz, il buon vino e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo. Comunico. Rifletto. Combatto. Edito. Suono. Non necessariamente in quest'ordine. 🇮🇹

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here