Mamme in Comune (a Verona); un tavolo ricco di idee, proposte e Traguardi “in rosa”.

 
 

Futuro roseo?

Esiste la demagogia ed esistono le proposte, vere e concrete
Questo l’ideale occhiello del comunicato stampa a firma Tommaso Ferrari, Beatrice Verzè, Caterina Bortolaso e Chiara Banelli di Traguardi che descrivono le idee sul tavolo per aiutare le mamme nel Comune di Verona.

Ho una figlia e a breve sarò mamma per la seconda volta, ma a parte molti annunci da questa amministrazione non ho visto una sola proposta – commenta Chiara Banelli, consigliere Sesta circoscrizione Verona CivicaTraguardi e mamma lavoratrice. “Le proposte studiate da Traguardi sono aiuti concreti, veri, che avvicinano Verona alla città che sarebbe auspicabile diventasse, per una reale conciliazione lavoro/famiglia grazie anche a supporti più incisivi che devono essere adottati“.

Abbonamento forfettario per i trasporti pubblici locali e per i parcheggi (tutti) alle donne in possesso di bollino rosa. Non bastano i “parcheggi rosa” serve dare alle future neomamme un aiuto concreto, negli spostamenti che durante e post gravidanza devono fare” così invece Caterina Bortolaso, consigliere Seconda circoscrizione Verona Civica- Traguardi, che continua affermando “la demagogia dell’attuale amministrazione sull’argomento è eclatante così come l’appoggio unanime al “World Congress of Families“. Per noi di Traguardi le donne e le giovani famiglie vanno aiutate sul serio, senza discriminare e senza ricorrere alle solite battaglie ideologiche“.

«Traguardi è la prima forza che ha proposto e ottenuto uno stanziamento per mamme under 30 – commenta Beatrice Verzè, consigliere Quinta circoscrizione Verona Civica -Traguardi, che continua – “in collaborazione con l’ULSS, vogliamo studiare la modalità per dare la possibilità alle neomamme di accedere al servizio di ostetrica a domicilio e ai corsi di disostruzione pediatrica”.

In ultimo – conclude il comunicato stampa – puntiamo all’allargamento dello “spazio famiglia”, attualmente presente a Corte Molon, in altre circoscrizioni, perché le famiglie abbiano spazi per incontrarsi e scambiarsi esperienze. Sono proposte reali e concrete, con le quali pensiamo di costruire la Verona di domani, più attenta ai giovani, alle donne e alle famiglie. Invitiamo l’amministrazione ad approvare queste misure più che riempire le prime file di convegni!»

 
 
Avatar
29 anni, parte di questi trascorsi, inutilmente, nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Ma forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Parlo tanto e volentieri, di politica e di sport. Talvolta a proposito, talaltra vabbé, pazienza. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz, il buon vino e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo. Comunico. Rifletto. Combatto. Edito. Suono. Non necessariamente in quest'ordine. 🇮🇹

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here