L’aggregazione con A2A “non s’ha da fare”, ora piovono diffide. Ecco il comunicato di AGSM

 
 

L’agitazione delle acque che attraversano Lungadige Galtarossa sembra destinata a non trovare pace e ferie (almeno lei) per i prossimi mesi di questa primavera/estate.
Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa che la municipalizzata cittadina dell’energia ha diramato poco fa:

BOTTA

AGSM informa che, nella serata di ieri martedì 12 maggio, ha ricevuto una diffida a firma degli avvocati Michele Croce e Gian Paolo Sardos Albertini. La stessa, inoltrata per conoscenza anche al Comune di Verona e al suo Consiglio Comunale, censura, in particolare, e tra gli altri:

– l’iter seguito da AGSM e AIM per esplorare l’opportunità e la possibilità di un’integrazione con A2a per la creazione di un nuovo attore industriale;

– le modalità di comunicazione e informazione di AGSM a beneficio del Comune di Verona e del suo Consiglio Comunale;

– il richiamo all’istituto dell’infungibilità;
Infine, evidenzia che un’operazione straordinaria condotta nel 2015 da A2A con LGH è stata censurata dall’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), e la pone in correlazione al percorso avviato da AGSM e AIM con la stessa A2A.

RISPOSTA

Rispetto a questi temi, e più in generale rispetto ai punti toccati dalla diffida, AGSM in primo luogo ribadisce con forza di:

1) non aver sottoscritto, alla data odierna, alcun accordo di natura vincolante relativo a operazioni societarie straordinarie. È stato unicamente condiviso tra le parti un percorso che ha portato alla definizione di un progetto industriale preliminare, finalizzato ad attivare un confronto nel merito da parte di tutti i portatori di interessi di AGSM, a tutti i livelli. In particolare, sul piano industriale e sul conseguente progetto di integrazione di AGSM con AIM e A2A, si terrà un Consiglio comunale convocato ad hoc nella prossima settimana;

2) aver sempre adottato procedure validate da primari advisor finanziari, legali e industriali;

3) aver sempre e costantemente agito con trasparenza, informando l’Amministrazione e il Consiglio comunale in modo puntuale e completo sullo stato di avanzamento dell’interlocuzione, sia con AIM sia con A2A, anche attraverso la partecipazione a sedute dedicate dello stesso Consiglio comunale e delle sue commissioni.

Con riferimento al tema dell’infungibilità, fin dal principio il percorso avviato da AGSM e AIM con A2A prevede espressamente che l’effettiva realizzazione dell’operazione sia comunque condizionata all’esito positivo delle analisi e verifiche circa l’unicità del contributo industriale di A2A e della conseguente possibilità di qualificare infungibile l’ipotizzato contributo della medesima A2A ai fini dell’operazione. Tutto questo, anche alla luce del ruolo strategico e industriale che la Nuova Capogruppo svolgerà nel “Triveneto”.
A tal fine, già a partire dalla seconda metà del mese di maggio, saranno interpellati tutti gli operatori economici che in passato hanno manifestato il loro interesse (Hera/Ascopiave, Alperia, Dolomiti Energia) e altri operatori economici potenziali candidati al ruolo di partner di AGSM ed AIM. Il processo di indagine conoscitiva e comparativa del mercato avrà una durata di circa 4 settimane e dovrà concludersi con l’invio, da parte degli operatori economici interpellati, di una offerta nella quale vengano individuati gli asset che potrebbero essere apportati e la valutazione implicita agli stessi attribuita. AGSM evidenzia con forza che non sussistono in alcun modo analogie tra la propria operazione e quella condotta da A2A con LGH nel 2015. La fattispecie che riguarda LGH è totalmente differente. LGH, infatti, ha ceduto ad A2A il 51% delle proprie azioni a fronte di un corrispettivo economico.

Conclude il comunicato: L’operazione disegnata da AGSM e AIM non è, infatti, un’operazione di vendita ma, al contrario, un ambizioso progetto di crescita nel Triveneto dove AGSM e AIM incorporerebbero asset industriali di A2A funzionali al rafforzamento industriale e alla crescita dimensionale e competitiva della nuova realtà.

 
 
Avatar
30 anni, parte di questi trascorsi inutilmente nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here