II Torricella Massimiliana: a che punto è lo sgombero delle antenne? Presentata sanatoria al SUAP

 
 

A fine febbraio scadono i 240 giorni concessi dal Demanio per liberare e ripristinare la II Torricella Massimiliana, ma a che punto sono ad oggi i lavori di sgombero?

Ricordiamo che dopo la denuncia effettuata esclusivamente per il tramite del “Comitato contro le antenne sulle torricelle, nel silenzio quasi generale dei media Veronesi meritando invece un’inchiesta di Report, relativamente all’utilizzo della II Torricella Massimiliana di Verona, dove insistono antenne radiotelevisive irregolarmente installate, la Conferenza di servizi convocata per verificare l’eventuale sanabilità dei tre tralicci esistenti nell’area non ha dato esito positivo, avendo raccolto il parere negativo sia della Regione Veneto, sia della Soprintendenza, sia del Comune di Verona.

A seguito del diniego delle Amministrazioni coinvolte nel procedimento, l’Agenzia del Demanio ha attivato tutte le procedure necessarie a ripristinare la legalità sul sito, fra cui il riavvio dell’iter di sgombero che era stato sospeso durante lo svolgimento della conferenza. Per consentire a tutti i soggetti coinvolti di rimuovere e spostare le apparecchiature e ripristinare l’area secondo le indicazioni della Soprintendenza sono stati assegnati 240 giorni, al termine dei quali è prevista, con la Soprintendenza, la verifica dell’effettivo ripristino del sito al suo stato originario. Una prima verifica era già stata fissata lo scorso 25 luglio 2018 per quelle emittenti che avevano precedentemente manifestato l’intenzione di non utilizzare più l’area e di liberarla.

Infine, per quanto riguarda i pagamenti pregressi dovuti per l’occupazione del bene, negli ultimi mesi si sono concluse positivamente alcune procedure transattive con le società coinvolte per un ammontare totale di quasi 340 mila euro di incasso per lo Stato (a fronte dei milioni dovuti) mentre altre sono attualmente in corso di definizione.
Contestualmente, l’Agenzia sta procedendo alla riscossione coattiva delle somme dovute nei confronti delle società che non hanno provveduto al pagamento richiesto.

Ebbene a 18 giorni dalla “deadline” in che condizioni versa la II Torricella Massimiliana? Siamo andati questa mattina (10 febbraio) a verificarlo scoprendo che molte delle antenne sono ancora ancorate in bella mostra al manufatto.

Ma non solo.

E’ pervenuta infatti il 6 gennaio 2019 allo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) una richiesta avente ad oggetto: “Richiesta autorizzazione in sanatoria presentata allo SUAP per installazione tralicci di supporto antenne radiotelevisive in via Santa Giuliana n. 4 a nome Radio Pace Associazione a.c.p. ed altre emittenti”.

Cartelli di inizio lavori non se vedono appesi men che meno l’“idea” dell’approntamento di un cantiere, la sensazione che se ne ricava è che la scadenza dei 240 giorni trascorrerà senza l’attuazione degli sgomberi intimati. Sarò tuttavia felice di sbagliarmi.

Alberto Speciale

 
 
Alberto Speciale
Classe 1964. Ariete. Marito e padre. Lavoro come responsabile amministrativo e finanziario in una società privata di Verona. Sono persona curiosa ed amante della trasparenza. Caparbio e tenace. Lettore. Pensatore. Sognatore. Da poco anche narratore di fatti e costumi che accadono o che potrebbero accadere nella nostra città. Difensore dei diritti ambientali, il che mi ha procurato un atto di citazione milionario. Ex triatleta in attesa di un radioso ritorno allo sport.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here