VeronaPride, Lega attacca: “Capricci LGBT a danno di una città abbandonata” / VIDEO

 
 

Sicurezza? Decoro urbano? Viabilità? Fondazione Arena? Aereoporto? Tutti argomenti di secondo piano per l’amministrazione comunale; attenta invece fin dal suo insediamento soprattutto a trasformare Verona in città arcobaleno.

A dirlo sono gli esponenti della Lega scaligera, Paolo Borchia (segretario provinciale), Nicolò Zavarise (cons. comunale capogruppo in Sala Gozzi) e Filippo Rando (coordinatore cittadino) in una conferenza stampa che ha evidenziato come nell’anno di giunta Tommasi, rispetto a temi prioritari per i cittadini come la sicurezza o il decoro, l’attività politica dell’amministrazione sia stata centrata più che altro in iniziative in favore della comunità LGBT.

Secondo Zavarise: “Dall’adesione alla rete Ready, alla promozione di eventi con iniziative in cui si è propagandata l’ideologia gender ai bambini attraverso volantini del circolo Pinkpatrocinati dal Comune, fino al recente ingresso nella consulta comunale delle famiglie dell’associazione ‘famiglie arcobaleno’, che sostengono le pratiche della maternità surrogata, e alla discesa in campo del sindaco Tommasi nel promuovere la registrazione dei figli di coppie dello stesso sesso, è palese che l’unico interlocutore di questa Giunta sia la comunità LGBT, ai cui capricci si sta piegando chiaramente l’amministrazione”.
“Spiace che dopo anni di successi con eventi di qualità dedicati a famiglie e bambini -c
ontinua Zavarise – l’amministrazione di sinistra abbia fatto del Mura Festival la casa del gay-pride! Un evento nato per famiglie e bambini grazie alla precedente amministrazione, viene plagiato da una manifestazione che ormai ha carattere esclusivamente folcloristico, caricaturale e provocatorio.

Capricci ideologici” continua il coordinatore cittadino della Lega Filippo Rando “che hanno preso il sopravvento rispetto al contrasto al degrado e alla situazione di incuria che attanaglia la città! É di questi giorni la protesta degli esercenti del Liston, nelle periferie ci sono aree verdi dove l’erba non viene tagliata da mesi, le nostre numerose denunce legate all’insicurezza nei quartieri restano inascoltate, con continui episodi che generano forti preoccupazioni in varie zone della città. Segnalazioni, timori dei cittadini che continuano da mesi a restare senza risposta: Tommasi faccia il sindaco di tutti e si ricordi quali sono i propri compiti nella gestione della città, dal Centro Storico fino alle circoscrizioni che tanto animava in campagna elettorale e che oggi invece sono abbandonate a loro stesse”.

Prosegue il segretario provinciale della Lega Paolo Borchia, affermando che “Il Pride ha dimostrato di non essere contesto di discussione in tema di diritti civili: agli occhi degli italiani le immagini che si palesano in queste manifestazioni sono troppo particolari per dare credito a certe argomentazioni, che se inserite in ambienti carnevaleschi perdono ogni senso. Partendo da questo presupposto, si vede chiaramente che le tematiche che sta portando avanti questa Giunta sono legate esclusivamente ad una moda politica, che possono piacere a determinate nicchie, ma che non corrispondono alle volontà, alle preoccupazioni e alle priorità della maggior parte dei veronesi”. Conclude Borchia: “Una cosa è seguire la moda, un’altra è fare il sindaco!

 
 
33 anni, parte di questi trascorsi inutilmente nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here