Trieste, Puzzer: “Tentativo d’infiltrare violenti nella nostra lotta. Confermato incontro con Governo” / VIDEO

 
 

 

 

C’è chi ritiene d’avere argomentazioni a sufficienza per continuare a negarla (vedi, di recente, il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese) e chi, invece, l’ha verificata con i propri occhi.

Ché sia “strategia della tensione” o sue forme più o meno imparentate poco cambia; il clima sociale, fratturato gravemente dall’introduzione del Green Pass, vede un aggiornamento importante dal fronte più caldo e “madre” della legittima protesta di portuali (anche se, in parte, dissociàti) e cittadini di Trieste.

A parlare in un video diffuso sui canali ufficiali del “Coordinamento 15 Ottobre” (il superamento integrato del precedente “Coordinamento Lavoratori Portuali di Trieste”) è il portavoce e uomo-simbolo Stefano Puzzer: “Abbiamo la conferma che sono in corso dei tentativi d’infiltrazione di violenti e facinorosi all’interno delle nostre pre-annunciate mobilitazioni di domani e sabato. Per questi motivi, proprio per non prestare il fianco a nessuna fazione violenta e soprattutto per NON farci strumentalizzare, abbiamo predisposto l’annullamento di entrambi i cortei.

A tutti voi – prosegue Puzzer – chiedo ufficialmente di NON venire qui a Trieste e di rimanere tranquilli a casa, senza manifestazioni localizzate. Il nostro incontro con il governo non è saltato, anzi.
Sarò io stesso, ve lo prometto, a presentarmi da ognuno di voi. Farò un giro per tutte quelle piazze che continuano a dimostrarci affetto, vicinanza e sostegno.
Deve passare chiaro e netto il nostro appello: NON venite a Trieste!

Il Coordinamento, inoltre, ha fatto pervenire un suo comunicato ufficiale:

 
 
32 anni, parte di questi trascorsi inutilmente nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here