Poche “light” e molte ombre; la Lega di Verona accanto a Salvini: “Contrasto alle sostanze psicotrope”.

 
 

Questa mattina presso la Sala Stampa di Palazzo Barbieri i consiglieri della Lega scaligera hanno presentato un ordine del giorno in cui si chiede di mettere in atto tutte le possibili iniziative, secondo i sensi della legge, per controllare la diffusione dei punti vendita della cannabis light.

Presenti all’appuntamento i consiglieri comunali Anna Grassi (capogruppo in Sala Gozzi), Thomas Laperna, Roberto Simeoni e Alberto Zelger con il Presidente dell’Ottava Circoscrizione Dino Andreoli e il Consigliere di Terza Circoscrizione Dario Pomari.

Condividiamo con soddisfazione la forte presa di posizione del Ministro degli Interni Matteo Salvini che sta portando avanti questa battaglia, nel nostro ruolo amministrativo vogliamo esprimere il nostro appaggio e invitare tutta l’amministrazione ad attivarsi con tutti gli strumenti disponibili”. Queste le parole in apertura della consigliera Grassi a cui fanno seguito quelle di Zelger il quale – riferisce il comunicato – segue la problematica da oltre un anno e si è già fatto promotore di una proposta di delibera che era in attesa di maggiori approfondimenti. “Non è tollerabile che la vendita di sostanze psicotrope venga effettuate davanti alle scuole e in prossimità dei luoghi più sensibili come fosse un invito a farsi le canne“. “Non si può fare business sulla salute dei nostri ragazzi – conclude Zelger – un documento del Consiglio Superiore di Sanità del 20 Aprile 2018 infatti dimostra che queste sostanze danneggiano la salute e quindi suggerisce la chiusura di questi negozi”.

A conclusione le dichiarazioni del consigliere Thomas Laperna: “Queste azioni si inseriscono in un più ampio progetto di contrasto a tutte le droghe, a partire dall’incremento dei controlli davanti alle scuole per contrastarne lo spaccio” e del Consigliere Provinciale e Presidente della Commissione Sicurezza in Comune Roberto Simeoni: “Condividiamo le preoccupazioni della tante famiglie veronesi e l’attenzione è massimo per le ripercussioni che l’uso di certe sostanze può avere nei confronti dei ragazzi”.

Lunedì 13 Maggio dalle ore 11:00 alle ore 13:00 all’Istituto Cangrande in Corso Porta Nuova ci sarà un incontro con i ragazzi dell’istituto per affrontare questi temi.

Saranno presenti il Dott. Serpelloni – Direttore del Dipartimento delle Dipendenze Verona ULSS 9; Massimo Pennello – Commissario della Polizia Municipale; Giuliana Guadagnini – Responsabile del punto di ascolto per la prevenzione del disagio scolastico – Comportamenti a rischio emergenza; Roberto Simeoni – Consigliere Provinciale; Alberto Zelger – Consigliere Comunale.

 
 
Avatar
29 anni, parte di questi trascorsi, inutilmente, nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Ma forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Parlo tanto e volentieri, di politica e di sport. Talvolta a proposito, talaltra vabbé, pazienza. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz, il buon vino e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo. Comunico. Rifletto. Combatto. Edito. Suono. Non necessariamente in quest'ordine. 🇮🇹

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here