Maltempo, l’analisi di Massimo Mariotti (FdI): Ai veronesi va raccontato il “da farsi”, “stare a casa” è sconcertante fatalismo.

 
 

A quasi 7 giorni dal disastroso nubifragio che ha, per molti versi, cambiato per sempre il profilo ambientale della nostra città, il tema del maltempo continua a dominare il dibattito politico cittadino.
L’esatto verificarsi delle perturbazioni, perfettamente preconizzàte, in questo sabato, crea un insolito paradosso; si riaccende la discussione su come affrontare anche le prossime venture avversità meteorologiche.

Leggo oggi sui giornali – commenta Massimo Mariotti, candidato al consiglio regionale per Fratelli d’Italia e presidente di Seritdell’invito alla cittadinanza del sempre bravo assessore competente [Daniele Polato, ndR] affinché nelle prossime ore la gente rimanga barricata in casa.
Qui nessuno ama le facili polemiche ma proprio perché la sicurezza dei cittadini è un principio intangibile, credo di non incappare nel reato di lesa maestà se pongo la seguente domanda: quali interventi strutturali e di manutenzione sono stati previsti dalla affinchè non si ripeta il disastro che abbiamo appena vissuto?”

“E’ a mio modesto giudizio – prosegue Mariotti – una questione di metodo: si può chiedere alla gente di fare la propria parte solo una volta che si è fatta la propria. E se questa è stata fatta, allora va spiegata.
Che interventi sono stati previsti? A quanto ammontano le risorse stanziate?
A chi si stanno chiedendo ulteriori fondi?
Quale il piano di Acque Veronesi a fronte del disastro avvenuto?
Quale quello di AMIA rispetto al verde pubblico e alla sua manutenzione?
Perché in città stanno operando spazzatrici di altre regioni, le nostre municipalizzate non hanno uomini e mezzi sufficienti?”

Capisco quindi gli inviti alla popolazione – conclude il candidato di Fratelli di’Italia – e capisco pure i cambiamenti climatici. Ma il piano sostanziale della questione è quello degli interventi e della loro penuria. Ho assistito in queste ore alla solita retorica sui bravi veronesi che si rimboccano le maniche e che non si fanno piegare dalle calamità. Tutto vero. La nostra gente è straordinaria.
Ma il rispetto a questa nostra tempra lo si tributa spiegando nel dettaglio ai nostri cittadini cosa si ha intenzione di fare. E viste le immagini della scorsa settimana, suggerirei di approntare qualcosa di poderoso. Alla nostra città serve una cura da cavallo. L’invito a rimanere chiusi in casa, così, senza ulteriori spiegazioni, ha invece il sapore del fatalismo sconfortante”.

 
 
Avatar
30 anni, parte di questi trascorsi inutilmente nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here