L’Angelo della Resurrezione “caduto”. In Agec scatta l’allarme

 
 

AGEC ha già assegnato questa mattina i lavori di ricognizione ed eventuale rimozione (con conservazione) di elementi staccati o disgregati del braccio sinistro dell’Angelo della Resurrezione che, nel tardo pomeriggio di ieri, è stato interessato dal crollo di una porzione di pietra.

I Vigili del Fuoco di Verona, intervenuti su segnalazione della Polizia Municipale, e i tecnici AGEC hanno immediatamente posto in sicurezza l’area sottostante la statua. Fortunatamente, per il crollo non si sono registrati danni a cose o persone.

Allertata immediatamente anche la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per le provincie di Verona, Rovigo e Vicenza con la quale verranno stabiliti tutti i successivi interventi di restauro.

La statua dell’Angelo – così come quelle della Storia e della Giustizia, e l’intera facciata dell’ingresso del Cimitero Monumentale – era stata oggetto di una manutenzione a cavallo degli Anni Duemila, ma gli eventi atmosferici hanno evidentemente causato dei danni che non erano emersi nelle ricognizioni successive.

I lavori delle prossime ore avranno carattere strettamente provvisionale e saranno finalizzati ad evitare che la situazione contingente possa causare danni all’immobile – che è oggetto di tutela – e rappresentare un pericolo per la pubblica incolumità. Il restauro vero e proprio avverrà dopo il benestare della Soprintendenza.

 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here