“La quinta volta” del Très Courts Film Festival è tutta online, dal 5 al 14 giugno in un “click”.

 
 

Torna, per la prima volta in versione esclusivamente on line, il Très Courts International Film Festival, la rassegna dedicata ai migliori cortometraggi sotto i 4 minuti. Per il quarto anno consecutivo, quindi, prosegue, nonostante le limitazioni imposte dall’emergenza COVID19, il sodalizio tra la nostra città e questo Festival, che unisce in simultanea 20 diversi Paesi, distribuiti in tutto il mondo.

Dal 5 al 14 giugno, basterà connettersi al sito ufficiale di Très Court e, inserendo il codice di accesso TC-VERONE, accedere alla sezione del Concorso Internazionale del Festival, per avere la possibilità di visionare gratuitamente i 44 cortometraggi selezionati (sottotitolati in italiano) e votare il proprio preferito, che riceverà il Premio del Pubblico.
Oltre al Concorso Internazionale, il Très Courts International Film Festival offre agli spettatori altre quattro sezioni parallele:
Paroles de Femmes (dedicata alla prospettiva femminile),
Ils ont osé – Trash & Glam (per coloro che vogliono osare e superare i confini prestabiliti),
Familiale (sulla tematica familiare)
Française (riservata ai soli autori francesi).

La rassegna è realizzata in collaborazione con Alliance Française.

Ad assegnare gli altri riconoscimenti (fra cui il Grand Prix al miglior film) sarà la giuria, presieduta dal regista, sceneggiatore e produttore Jan Kounen.
Per il quarto anno consecutivo – spiega l’assessore alla Cultura Francesca Briani – la città di Verona ha il piacere di sostenere, anche in questa nuova versione completamente on line, il Festival internazionale del cortometraggio. Una rassegna che presenta al pubblico le nuove opere audiovisive realizzate in tutto il mondo, con un’ampia carrellata di storie diverse proposte in brevi film di soli 4 minuti”.
 
 
Avatar
30 anni, parte di questi trascorsi inutilmente nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here