Caso Alpini, Rossi: “Tine’ burocrate. Il Sindaco intervenga”

 
 

Centocinquanta anni di Storia cancellati da una scelta inspiegabile compiuta dalla soprintendenza avvenuta in corrispondenza del tiepido intervento del Sindaco di Verona.
Chiediamo per questo un intervento urgente e convinto del Sindaco Tommasi a difesa dell’Ana sezione Verona e di tutti i suoi soci che da sempre si dimostrano in prima linea al servizio del prossimo”.

A dirlo solo il Consigliere Comunale di Verona Paolo Rossi e l’Assessore alla protezione civile di Pescantina Nicolò Rebonato.

“Ora”, proseguono i due, “il Soprintendente Tinè, negando la proiezione del tricolore (simbolo della nostra Nazione) nei principali monumenti veronesi e bloccando quindi tantissime attività a pochissime ore da una manifestazione nazionale, dimostra di essere il tipico ingranaggio della burocrazia statale, quella burocrazia che rende sempre tutto complicato al cittadino Italiano.
L’Amministrazione comunale, colpevolmente poco energica nel proprio agire, dovrebbe invece prendere una posizione netta a favore di chi da sempre aiuta la nostra comunità soprattutto dal punto di vista sociale e umanitario. In caso contrario sarebbe come avallare la scelta della soprintendenza.
Rispetto per l’Ana e per gli Alpini”.

 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here