Bombardamento di Santa Lucia, per non dimenticare

 
 

Due appuntamenti con la storia per non dimenticare il bombardamento di Santa Lucia, attraverso anche testimonianze agli studenti promosso dalla 4ª Circoscrizione, giovedì 25 e lunedì 29 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria.

Il programma prevede per il 25 gennaio, alle ore 9, al parco giochi di via Po, la commemorazione in ricordo dei 20 bambini ebrei, tra cui il piccolo italiano Sergio De Simone, vittime degli esperimenti nazisti nella scuola di Bullenhuser Damm.

Parteciperanno con canti e poesie gli alunni delle classi V delle scuole primarie di Santa Lucia e Golosine.

Il secondo appuntamento sarà lunedì 29 gennaio, in occasione del 74° anniversario dei bombardamenti aerei alleati sul quartiere veronese di Santa Lucia, che il 28 gennaio 1944 devastarono la stazione e l’abitato cittadino, causando più di cento vittime civili.

Programma

  • Ore 9.30, sul piazzale della chiesa parrocchiale di Santa Lucia, la messa in suffragio delle vittime, con la posa alle 10.45 di due corone, una al cimitero, alla lapide dei caduti civili, e l’altra sotto la targa all’ingresso del Centro Culturale “6 Maggio 1848”, in memoria degli otto piccoli martiri della scuola elementare. A fine cerimonia gli studenti assisteranno alla conferenza storica “Santa Lucia sotto le bombe” nella sala conferenze “Caduti di Nassiriya” in via Mantovana 66;
  • Ore 11 le Associazioni d’Arma, le autorità e i cittadini si recheranno in via 28 gennaio per la posa di un mazzo di fiori;
  • Ore 20.45, sempre nella sala “Caduti di Nassiriya”, per tutti i cittadini verrà riproposta la conferenza “Santa Lucia sotto le bombe”, serata con proiezioni, racconti e testimonianze sui bombardamenti aerei.

Il programma è stato presentato ieri mattina dal presidente della 4ª Circoscrizione, insieme a Giuseppe Fratton, presidente della sezione di Santa Lucia dell’associazione nazionale Artiglieri d’Italia, e a Iginio Mengalli, presidente dell’associazione Santa Lucia.

 
 
Sono di Verona, nato il 15 gennaio, quindi Capricorno. Ho un temperamento deciso ma anche la giusta allegria per le origini senesi del nonno paterno. Ho una laurea magistrale in editoria e giornalismo conseguita con il massimo dei voti. Iscritto All’ODG del Veneto, nel tempo libero sono istruttore minibasket a Lugagnano. Scrivo per il Corriere dello Sport. Credo neello sport per tutti. Nel 2014 la mia passione mi ha portato a Sochi per seguire i Giochi Paralimpici Invernali. Amo il Teatro: Shakespeare in particolare. Mi piace il nuoto e quando posso vado in mountain bike. Sono sincero: dico sempre quello che penso. Sempre di corsa ma mi piace così.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here