Arriva l'(H)Open Day sulle malattie reumatiche; l’adesione “rosa” dell’Azienda Ospedaliera scaligera.

 
 

Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere, in occasione della Festa della mamma, promuove un (H)Open day dedicato alle malattie reumatiche autoimmuni.
Anche l’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona aderisce all’iniziativa offrendo gratuitamente alla popolazione femminile servizi clinico-diagnostici ed esami strumentali oltre a dedicare momenti informativi come consulenze, colloqui, conferenze, info-point con il supporto e la distribuzione di materiali divulgativi, il tutto dedicato alle malattie reumatiche.

La giornata di venerdì 10 maggio sarà supportata anche dalle associazioni dei pazienti che presenzieranno nei vari ospedali.
Obiettivo della giornata sarà quello di promuovere la consapevolezza e la corretta informazione così come la prevenzione, la diagnosi e l’accesso ai vari percorsi specialistici diagnostico-terapeutici. Le malattie reumatiche autoimmuni, causano disturbi a carico dell’apparato locomotore ed in generale dei tessuti connettivi dell’organismo.

CHE COS’È
Rappresentano un gruppo estremamente eterogeneo di malattie e si presentano con espressione e gravità differenti, colpendo più di 3,5 milioni di italiane. Inoltre, spesso esordiscono in età giovane impattando sulla qualità della vita, sulla salute riproduttiva e sulla pianificazione familiare.

 
 
Avatar
30 anni, parte di questi trascorsi, inutilmente, nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Ma forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Parlo tanto e volentieri, di politica e di sport. Talvolta a proposito, talaltra vabbé, pazienza. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz, il buon vino e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here