A Borgo Nuovo il primo portinaio di quartiere

 
 

C’era una volta il portinaio. Anima del palazzo, prezioso fac-totum, collante tra i condomini. Aiuto per gli anziani, guardiano dei bambini, controllore di anonimi andirivieni. Affidabile presidio nei cortili all’ingresso delle case.

Insomma, una persona di fiducia, pronta con il suo servizio a semplificare la vita quotidiana delle persona e che, da oggi, con il nuovo progetto sociale ‘Portineria di quartiere’ diventa una realtà in aiuto alla comunità di Borgo Nuovo.

Ricezione pacchi e corrispondenza; custodia chiavi e piante; informazioni sui luoghi e i servizi del Borgo. Nella Casetta San Vincenzo di via Gela 13, da oggi c’è la portinaia Cristina Bottacini, pronta ad occuparsi di queste e tante altre piccole problematiche quotidiane o, semplicemente, a fare due chiacchiere in compagnia.

Un’idea semplice ma di grande utilità, frutto dalla collaborazione tra Caritas Diocesana Veronese, Comune di Verona, Istituto Comprensivo6 Chievo-Bassona-Borgo Nuovo, Rete Tantetinte, società San Vincenzo de Paoli.

Il servizio è attivo nelle giornate di lunedì e venerdì, dalle 9 alle 12; mercoledì, dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19; e ogni secondo sabato del mese, dalle 9 alle 12. La portineria può essere contattata anche via telefono, al numero 393 8266049, e per mail, all’indirizzo [email protected]

 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here