Padovani: «Orgoglioso della mia categoria, le farmacie stiano vicine alle povertà cittadine»

 
 

Povertà sanitaria. L’impegno dei farmacisti veronesi in Quinta commissione consiliare

Sono orgoglioso di essere un farmacista veronese e come consigliere comunale metto a disposizione il mio impegno per dare la massima diffusione alle molte azioni solidali dei miei colleghi”.

Si apre così il comunicato stampa a firma Gianmarco Padovani, capogruppo in Comune di Verona Pulita a margine dell’incontro organizzato oggi dal titolo “Farmacie e sociale: tre esempi a Verona”.
Durante la seduta sono stati presentati i progetti di tre enti assistenziali di altissimo livello: il Banco Farmaceutico Fondazione Onlus (Matteo Vanzan e Michele Lonardoni), Fondazione Francesca Rava (Elena Vecchioni) e Associazione Farmacisti Volontari in Protezione Civile (Paolo Pomari).

La nota si propone di portare l’attenzione e di sottolineare come esistano, anche all’interno del nostro tessuto veronese, dei cittadini italiani cui un farmaco rappresenta più “una sfida” che la cura o rimedio a qualche malattia.

La povertà sanitaria è un problema che affligge i paesi del Terzo mondo, ma anche i cittadini veronesi e le zone colpite da calamità. Accedere alla medicine non è un privilegio di tutti, ci sono persone che non possono permettersi nemmeno uno sciroppo per la tosse. Per questa emergenza alcune associazioni veronesi della mia categoria stanno veramente intensificando i loro sforzi“.

Ringrazio la presidente di Commissione Maria Fiore Adami e l’assessore al Sociale Stefano Bertacco per l’opportunità di oggi. Far conoscere ai veronesi queste azioni solidali significa sensibilizzarli al dono verso le persone meno fortunate“.

Il comunicato prosegue citando i numeri della dimensione di questo problema:

Nel 2018 il Banco Farmaceutico ha raccolto in Italia 376.000 farmaci da 4.176 farmacie aderenti che sono stati donati ai bisognosi per un valore di oltre € 610.000. A Verona i farmaci raccolti sono stati donati a enti assistenziali locali. Per la quinta edizione di “In Farmacia per i bambini” la Fondazione Rava ha raccolto da 1.441 farmacie aderenti 186.000 prodotti pediatrici che sono stati donati ai 385 Enti che assistono i bambini in povertà sanitaria in Italia e in Haiti all’Ospedale pediatrico NPH Saint Damien“.

Inoltre un programma di importante collaborazione tra l’Associazione Nazionale Farmacisti Volontari e la Fondazione Banco Farmaceutico Onlus ha potuto garantire il servizio farmaceutico dal 24 agosto 2016 a luglio 2017 agli sfollati colpiti dal terremoto nelle Marche. Con due squadre di farmacisti addestrati e camper attrezzati hanno offerto il loro servizio ad Arquata e Accumoli e la Fondazione Banco Farmaceutico Onlus ha fornito tutti i farmaci necessari e richiesti per gestire le emergenze.

“E’ un impegno che faccio volentieri – conclude Padovani -. Del resto Verona Pulita è da sempre sensibile a questi temi: due anni fa abbiamo organizzato una cena di Natale solidale in Fiera dove abbiamo raccolto 4.000 euro per l’associazione ANAVI Nascere per Vivere Onlus e avviare il progetto “Eye-Tracking”, uno screening mirato al trattamento precoce dei disturbi dello spettro acustico nei bambini prematuri. Per il futuro dobbiamo valorizzare i progetti di enti assistenziali come questi condividendo, sostenendo e coordinando insieme a loro nuove iniziative di aiuto e solidarietà”.

 
 
29 anni, parte di questi trascorsi, inutilmente, nel tentativo di scrivere una biografia seria e sensata. Ma forse questa è la volta buona (lo dico sempre!). Italiano e veronese, amante della comunicazione con ogni mezzo e a (quasi) ogni costo. Il mio preferito? La radio. Parlo tanto e volentieri, di politica e di sport. Talvolta a proposito, talaltra vabbé, pazienza. Hellas Verona nelle arterie, musica jazz, il buon vino e le parole di un caro amico al momento giusto. Con la famiglia di VeronaNews per dare il meglio di me alla città che più amo al mondo. Comunico. Rifletto. Combatto. Non necessariamente in quest'ordine. 🇮🇹

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here